Torino

La nuova edizione di “Luci d’Artista” 2016-2017

Marco Gastini - "L'energia-che unisce si espande nel blu"
Marco Gastini – “L’energia-che unisce si espande nel blu”

Sono 22 le installazioni luminose d’arte contemporanea per la 19esima edizione di “Luci d’Artista” di Torino, evento che quest’anno ha visto anche la partecipazione di tre interessanti progetti innovativi.

Il primo costituito dall’ opera videografica #MosaicoTorino, promossa dall’associazione 4K e creata da Dead Photo Working, proiettata in via Modane 16 sui muri della Fondazione Sandretto Re Rebaudengo – con un concept fortemente orientato ai Social con la proiezione di tutte le immagini dei profili pubblici di  Instagram degli utenti che useranno l’hashtag #MosaicoTorino.

#MosaicoTorino (courtesy: Comune di Torino)
#MosaicoTorino (courtesy: Comune di Torino)

Il secondo con l’installazione luminosa temporanea “Luce in cattedra”, ideata dagli studenti di PoliTo in Light per la Corte d’Onore del Castello del Valentino.

"Luce in cattedra" - PoliTo in Light, per la Corte d’Onore del Castello del Valentino
“Luce in cattedra” – PoliTo in Light, per la Corte d’Onore del Castello del Valentino

Il terzo con “Lumen Flumen”, a cura dell’associazione Nomen Omen, groviglio di tubi lineari a luce LED che modellano parole e geometrie sulla facciata della sede dei Servizi sociali in Lungo Dora Savona 30.

L’allestimento delle opere di “Luci d’Artista” è stato possibile grazie al contributo di 180 mila euro stanziati dalla Fondazione Crt e alla collaborazione del Teatro Regio e di Iren;  le opere esposte si estenderanno per circa 10 km di linee elettriche e sono state realizzate nella quasi totalità con luci a LED con un conseguente consumo complessivo ridotto a circa 170 kW. In Piazza Castello sarà allestito il famoso Presepe di Emanuele Luzzati, artista genovese, con 90 sagome in legno dipinte ispirate alla tradizione.

A seguire l’elenco delle installazioni e delle loro location visibili dal 28 ottobre al 15 gennaio 2017 dalle 20 alle 3 di notte:

“Illuminated Benches” di Jeppe Hein (piazzetta Reale);

“Palle di neve” di Enrica Borghi (via Roma);

“Cultura = Capitale” di Alfredo Jaar (piazza Carlo Alberto 3 facciata Biblioteca Nazionale);

“Volo su…” di Francesco Casorati (via Pietro Micca e via Cernaia);

“Palomar” di Giulio Paolini (via Po);

“Ice Cream Light” di Vanessa Safavi (via Carlo Alberto da via Po a piazza Carlo Alberto);

“Luce fontana ruota” di Gilberto Zorio (laghetto Italia ’61);

“Migrazione (Climate change)” di Piero Gilardi (Galleria San Federico);

“Regno dei fiori: nido cosmico di tutte le anime” di Nicola De Maria (piazza San Carlo);

“My noon” di Tobias Rehberger (piazza Carlo Felice – Stazione P.N.);

“L’energia che unisce si espande nel blu” di Marco Gastini (Galleria Umberto I – Porta Palazzo);

“Piccoli Spiriti Blu” di Rebecca Horn (Monte dei Cappuccini);

“Il volo dei numeri” di Mario Merz (Mole Antonelliana);

“L’amore non fa rumore” di Domenico Luca Pannoli (piazza Bodoni);

“Tappeto volante” di Daniel Buren (piazza Palazzo di Città);

“Amare le differenze” di Michelangelo Pistoletto (Piazza della Repubblica);

“Il Giardino Barocco Verticale” di Richi Ferrero (via Alfieri 6 – percorso artistico nel cortile di Palazzo Valperga Galleani);

“Noi” di Lugi Stoisa (via Carlo Alberto da piazza Carlo Alberto a corso Vittorio Emanuele II);

“Luì e l’arte di andare nel bosco” di Luigi Mainolfi (via Garibaldi).

(Massimo Maria Villa)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here