I AM – International Augmented Med

Tecnologie per la cultura del Mediterraneo

 Sala Dogana di Palazzo Ducale di Genova
Sala Dogana di Palazzo Ducale di Genova

Un progetto di cooperazione internazionale guidato dal Comune di Alghero e che coinvolge 14 organizzazioni partner in 7 paesi nel bacino del Mar Mediterraneo (Italia, Egitto, Giordania, Libano, Palestina, Spagna e Tunisia), e che ha avuto il suo start –up con una mostra organizzata a Genova presso la Sala della Dogana a Palazzo Ducale

International Augmented Med (I AM) è un progetto finanziato dal programma ENPI CBC Mediterranean Sea Basin Programme 2007-2013, in corso di attuazione da ottobre 2012 a ottobre 2015.

Il budget totale è di € 3.060.650 di cui il contributo del programma ENPI CBC MED costituisce il 90% (€ 2.754.583).

L’area del Mediterraneo attira circa il 30% degli arrivi internazionali e dei proventi del turismo, ma la concorrenza internazionale sta minacciando la sua posizione di leader: in questo contesto si collocano i contenuti del progetto I AM, che mira a sostenere il settore turistico nei territori coinvolti, proponendo tecnologie innovative e multimediali in grado di migliorare la qualità delle località turistiche, diversificare l’offerta turistica, e incoraggiare una più ampia ripartizione geografica dei flussi, sostenendo, in particolare, il turismo rurale e culturale.

Il progetto si concentra quindi sull’uso della Realtà Aumentata (AR), del video mapping, della multimedialità e delle tecniche interattive attraverso lo sviluppo di applicazioni mobili, ricostruzioni in 3D dei siti archeologici, spettacoli di proiezioni su edifici storici e videoinstallazioni interattive.

Le attività includono seminari di formazione, festival di Realtà Aumentata (AR) e applicazioni pilota di AR per un sito di patrimonio naturale o culturale in ciascuno dei sette paesi partecipanti e la creazione di un network internazionale di esperti tecnici e professionisti interessati a fornire i propri servizi al settore culturale/turistico.

La mostra alla Sala Dogana di Palazzo Ducale di Genova

In occasione di I AM (International Augmented Med) il DIRAAS –Dipartimento dell’Università di Genova, partner italiano del Progetto Europeo – ha organizzato a maggio una mostra presso la Sala Dogana di Genova, ora replicata e ampliata nel Museo della Città di Alghero, capofila del progetto, in occasione del Festival finale che chiude il mese di settembre 2015.

La mostra genovese è stata curata da Liliana Iadeluca, e presenta opere che riflettono sul legame che l’arte e le nuove tecnologie hanno con la fisicità dei luoghi. L’esposizione ha ospitato artisti affermati affiancati da giovani creativi per creare un panorama più vasto di linguaggi generazionali; a completamento delle esperienze visual, il work in progress delle proiezioni in 3D visibili ad Alghero di Enzo Gentile e Paolo Servi , “technical experts” dello staff del Progetto Europeo. A Genova, una postazione è stata dedicata al lavoro dei giovani creativi ed esperti tecnici che hanno creato installazioni site specific nei 7 Paesi cooperanti.

Gli artisti

ALPHA VERSION

E’ un duo artistico costituito da Francesco Calzona (Italia, 1982) e Luca Serra (Italia, 1981) e si occupa della progettazione e della realizzazione di performance audiovisive dove immagine e suono interagiscono dinamicamente.

MICRO crea un piccolo mondo artificiale, assimilabile alla dimensione della fisica delle particelle e alla biologia molecolare, ma con forme, colori e interazioni differenti. Brevi visioni video-soniche di un intimo immaginario

“μ” (Micro) – videoinstallazione, 30’00’’ min
“μ” (Micro) – videoinstallazione, 30’00’’ min

https://www.facebook.com/pages/Alpha-Version/303305703206765

https://vimeo.com/user34326073

Cesare Bignotti – Aka Useless Idea (Italia,1981)

Opera nel settore audiovisivo come compositore elettronico e videomaker; una carriera in continuo confronto con i media contemporanei, influenzata da un linguaggio veloce e aggressivo, tipico del videoclip.

Un’arte di forte impatto che unisce immagine e suono. Acclamato dalla critica europea come una tra i più promettenti artisti italiani ha esposto in Europa, Cina e a Tokyo. “Soundscape/Part 02” tesse un legame ritmico tra suoni di luoghi industriali.

“Soundscape/Part 02” Audio 5’00’’ min
“Soundscape/Part 02” Audio 5’00’’ min

https://www.facebook.com/pages/Useless-Idea/124575767593164?fref=ts

http://bignotticesare.blogspot.it/

Marko Bolkovic (Croazia,1985)

Si diploma nel 2007 in Sound engineering presso il SAE institute di Ljubjana.

Vincitore del “subgrants” di IAM per realizzare il videomapping a Girona (ES), lavora sui temi di luce, musica e arte audiovisiva. E’ autore freelance e direttore organizzativo del Festival Visualia nonché manager di un laboratorio di ricerca in nuove tecnologie culturali a Pula.

Con “Transiency” gioca a smaterializzare la facciata di Casa Pastors, trasformandola in qualcosa di evanescente e pittorico giocato sul tema della metamorfosi.

“Transiency”, Videomapping 7’22” min
“Transiency”, Videomapping 7’22” min

https://www.facebook.com/mbolkovic?fref=ts

https://www.facebook.com/FestivalVisualia?fref=ts

http://festival-visualia.com/

Angela Di Tomaso – aka AI.DI.TI (Italia,1988)

Artista multimediale, studia arte sin da giovanissima mescolando nei suoi progetti diversi media quali video, disegno, pittura, fotografia e grafica; si forma all’Accademia di Belle Arti di Frosinone e in seguito a Brera, esperienze che – insieme con l’Erasmus del 2011 – le servono ad incentrare la sua ricerca su live video, performance, interaction design, video mapping e motion graphics.

“(MI)MODULE 1.0 “ Video 2’56’’ min
“(MI)MODULE 1.0 “ Video 2’56’’ min

 https://www.facebook.com/aiditiArtist

 https://vimeo.com/aiditi

Dirar Kalash (Palestina,1982)

E’ un sound artist e musicista che fa di improvvisazione, jazz e rumore il proprio stile; ha partecipato a mostre e festival in Palestina, Egitto ed Europa. «Sonic ar(e/y)thmetic » è una composizione basata sui fondamenti matematici che stanno alla base dei disegni delle tradizionali piastrelle palestinesi e, in generale, dei pattern islamici.

“Sonic ar(e/y)thmetic”, Video 3’35’’ min
“Sonic ar(e/y)thmetic”, Video 3’35’’ min

Il linguaggio comune di musica e design è matematico/logico ma anche percettivo laddove punti, linee, curve e angoli formano unità di strutture di dimensioni diverse atte ad accompagnare lo spettatore in un viaggio dai molteplici percorsi sensoriali.

 https://www.facebook.com/profile.php?id=100009723451527&ref=ts&fref=ts

Konic Lab

Konic Lab è una piattaforma artistica guidata da Rosa Sanchez e Alain Baumann con sede a Barcellona, dedicata alla creatività contemporanea attraverso la confluenza di arte e nuove tecnologie.

Riconosciuta internazionalmente tra i pionieri nell’utilizzo e sviluppo di tecnologie interattive in ambito artistico, ha esposto in Europa, America, Asia e Africa.

“Processus” riguarda un’ installazione di videomapping realizzata per la facciata dell’Antico Ospedale di Santa Caterina a Girona in occasione del progetto europeo I AM.

“Processus”, Videomapping 15’26” min
“Processus”, Videomapping 15’26” min

 https://www.facebook.com/konicthtr?fref=ts

 http://koniclab.info/

Roberta Orlando (Italia,1988)

Sviluppa la sua ricerca artistica attraverso video, fotografia, performance e suono. Gran parte dei suoi lavori sono dedicati a tematiche sociali, culturali, ambientali e politiche, soprattutto riguardo ad uguaglianza e diritti umani.

Ottiene riconoscimenti a livello internazionale e collabora con i maggiori eventi multimediali nel mondo. Lavora con le arti visive e performative in Europa e USA. “LITS (Leave Immediately The Space)” è basato su audiovisual mapping dal vivo che mostra una performance corporea e sonora mentre l’artista agisce sul modello dell’edificio mappato.

“LITS (Leave Immediately The Space)”, Videoinstallazione live 7’22” min
“LITS (Leave Immediately The Space)”, Videoinstallazione live 7’22” min

http://r0inconnu.blogspot.it/

Anna Positano (Italia,1981) e Matteo Casari (Italia,1978)

Anna Positano è un’artista che lavora con la fotografia e il video. Le sue opere sono state esposte a livello internazionale.

Matteo Casari è un musicista che basa la sua ricerca su campionamenti di musica exotica e sintetizzatori analogici. Si occupa di grafica e architettura; organizza eventi e concerti di arte underground.

L’installazione video è costituita da una serie di sequenze riprese da un’automobile sullo svincolo Rho-Pero, interessato dai lavori di Expo 2015.

“Spaghetti Junction” installazione video a 3 canali su schermi CRT, 4:3, colore, 5'40” min in loop, audio a 3 canali convertiti in stereo. 2014
“Spaghetti Junction” installazione video a 3 canali su schermi CRT, 4:3, colore, 5’40” min in loop, audio a 3 canali convertiti in stereo. 2014

Il senso di smarrimento di chi percorre il raccordo è espresso dal montaggio caleidoscopico delle sequenze e da una campionatura dello spettro di frequenze radio ricombinata in vari loop. L’opera è stata realizzata per il progetto Sinfonie Urbane, curato da Exposed Project.

 www.theredbird.org

Zlatolin Donchev (Bulgaria,1990)

Si forma tra la Bulgaria e Italia compiendo un percorso attraverso tematiche pittoriche legate alla mitologia e al simbolo, maturando negli anni una vocazione narrativa e concettuale che assieme alla passione per il linguaggio visuale cinematografico lo porta a tradurre la sua esperienza in installazioni multimediali spesso riconducibili a tematiche intime e sociali che esaminano la dialettica della condizione umana.

In “Homesick” pone una riflessione sul concetto di casa e il suo significato archetipico in relazione ad un sottile desiderio di regressione.

“Homesick” Videoinstallazione 03.40 min - Audio a 4 canali, proiettore, DVD player, cassa di legno e vetro satinato. Voce: Andrea Gado
“Homesick” Videoinstallazione 03.40 min – Audio a 4 canali, proiettore, DVD player, cassa di legno e vetro satinato. Voce: Andrea Gado

https://www.facebook.com/zlatolin.donchev?fref=ts

Anughea Studios

Lo studio, composto da Enzo Gentile e Paolo Servi, si occupa sia di comunicazione informatica tradizionale: (2D-3D graphic design, Computer Animation, web design, marca) e sia di progetti innovativi (design interattivo, nuove tecnologie per le arti, design audio-video, arte generativa, motion tracking, video mapping architettonico, performing arts). Sono i principali promotori del progetto I AM (ENPI CBC Med) collaborando col Comune di Alghero e si occupano di altri progetti europei legati alle nuove tecnologie.

www.anughea.com

www.interactive-performance.it