Luce e Architettura

Seoul. “Lightmorphing”: la luce e lo spazio in architettura

Seoul. “Lightmorphing” (courtesy: Migliore + Servetto Architects) (photo by Jaeyoung Park)

In mostra fino al 29 giugno 2019 a Seoul il risultato della relazione fra luce e spazio in “Lightmorphing”, esposizione che lo studio Migliore+Servetto Architects ha allestito presso la Onground Gallery.

La mostra è supportata dall’Istituto Italiano di Cultura di Seoul, da NOROO e i-Mesh e ha ottenuto il Patrocinio dell’Ambasciata Italiana in Corea del Sud e permette di conoscere da una angolazione inedita l’approccio progettuale dello studio, dal punto di vista della riflessione sull’utilizzo e la presenza tecnica ed espressiva della materia luce, nella sua declinazione naturale e artificiale, all’interno del lavoro di progettazione dello studio italiano.

L’obiettivo di “Lightmorphing” è quello di raccontare ai visitatori la genesi di numerosi concept di progetto in un itinerario che articola il suo percorso ormai da diversi anni, maturato nel contesto di installazioni dinamiche e site specific e far conoscere la cifra specifica seguita dallo Studio nell’indagine condotta all’interno dei rapporti tra spazio, luce e vuoto.

Sono tre le sezioni della mostra, una prima è dedicata al lavoro sviluppato attraverso il segno grafico di Ico Migliore, una seconda alle installazioni site-specific, mentre l’ultimo spazio propone una video-installazione.

La prima sezione, “Red Light Architecture” propone 16 schizzi progettuali originali, realizzati da Ico Migliore (già presentati nel 2017 presso il DDP di Seoul in occasione del NOROO Intl Color Trend Show) nei quali la luce rossa viene proposta come mezzo percettivo tra lo spazio reale e lo spazio rappresentato.

Seoul. “Lightmorphing”. Sezione “Red Light Architecture” by Ico Migliore (courtesy: Migliore + Servetto Architects)

Nella seconda sezione i visitatori troveranno una serie di installazioni site-specific (“Shades”) realizzate con il materiale i-Mesh. Si tratta di una serie di arazzi ispirati dal concetto di attraversabilità che vengono plasmati dalla luce e dal rapporto da questa creato con gli scenari.

“Tecno Connections, connectors and connectivity ” (photo: Andrea Martiradonna)

Nell’ultima sala della mostra sono proposte – attraverso una video-installazione e una serie di artworks – le installazioni realizzate su scala mondiale dallo studio a partire dal concetto di lightmorphing, tra le quali l’installazione luminosa permanente “α cromactive”, realizzata all’interno della serra bioclimatica nel grattacielo di Intesa Sanpaolo a Torino; l’installazione permanente “B&B Italia/The perfect density”; il sistema di installazioni progettate in occasione delle XX Olimpiadi Invernali a Torino e diverse altre.

Intesa Sanpaolo – “Acromactive” (photo: Michele D’Ottavio)

Lightmorphing. From sign to scenery

Ico Migliore, Mara Servetto

Fino al 29 giugno 2019

Onground Gallery – 1F, 23, Jahamun-ro 10-gil, Seoul, Corea del Sud

Mostra organizzata da: Migliore+Servetto Architects; Onground Gallery

Patrocinio: Ambasciata Italiana in Corea del Sud

La mostra è promossa da: Istituto Italiano di Cultura – Seoul, NOROO, i-Mesh

Orari:    da martedì a sabato 11.00 – 18.00
Chiuso lunedì e domenica

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here