Arte e sostenibilità

Roma. “Illuminati”, arte e luce a consumo zero

Roma, Biblioteca Vallicelliana – “Illuminati”. Michelangelo Pistoletto – “Terzo Paradiso”, lightbox (cortesia: Cittadellarte)

La Biblioteca Vallicelliana (MiBAC) di Roma ospita in questi giorni negli spazi del Salone Borromini, fino al 17 giugno 2019, “Illuminati”, una mostra di arte contemporanea realizzata da MiBAC Ministero per i Beni e le attività culturali  e DGBIC – Direzione Generale Biblioteche e istituti culturali e con il patrocinio della Commissione Europea, del Ministero dell’Ambiente, ENEA,  del CNR e di TerzoParadiso, con opere progettate con tecnologie di illuminazione sostenibili a consumo zero.

Il concept espositivo si basa su un progetto ideato da Geo Florenti, ed un percorso espositivo a cura del critico e storico dell’arte Giancarlo Carpi.

Roma – Biblioteca Vallicelliana. Mostra “Illuminati” di Geo Florenti (cortesia: Biblioteca Vallicelliana)

L’approccio sostenibile proposto dalle opere presenti nella mostra si basa sul principio del totale riciclo dell’emissione luminosa dispersa dalle sorgenti di illuminazione artificiali. Il recupero dell’energia emessa dalle sorgenti luminose ha luogo infatti – per le opere proposte in mostra – in un ciclo continuo e si basa sull’utilizzo di celle fotovoltaiche, che producono anche l’energia per la luce artificiale emessa dalle sorgenti di illuminazione accese, ponendo in atto un processo di riciclo continuo della luce: le celle, per effetto fotovoltaico, generano istantaneamente altra energia, utilizzata in modo istantaneo e senza aiuto di accumulatori, in altra re-illuminazione.

Gli artisti contemporanei italiani selezionati per l’esposizione che attraverso l’arte lancia un importante messaggio di sostenibilità sono 12 con altrettante opere inedite realizzate secondo un criterio a consumo zero: Michelangelo Pistoletto, Luca Maria Patella, Pietro Ruffo, Marco Tirelli, Giosetta Fioroni, Ileana Florescu, Gianni Dessì, Guido Strazza, Andrea Fogli, Sergio Lombardo, Giuseppe Salvatori e Matteo Basilé.

Tra le opere proposte in mostra, anche il lightbox a consumo zero realizzato da Geo Florenti “Il Terzo Paradiso”, opera direttamente riconducibile al segno-simbolo creato nella sua opera da Michelangelo Pistoletto, fra gli artisti ispiratori del concept di questo progetto.

Geo Florenti con Michelangelo Pistoletto (cortesia: Cittadellarte)

A partire da questa esperienza è nata così una collaborazione fra Florenti e Pistoletto, che hanno iniziato a rivolgere la loro attenzione ad un prossimo progetto dedicato al mondo dell’advertising e della cartellonistica pubblicitaria, per la realizzazione di lightbox a consumo zero.

(Massimo Maria Villa)

 

“Illuminati” – La prima esposizione a consumo zero di Geo Florenti

Dove: Roma, Biblioteca Vallicelliana – Salone Borromini

Fino al 17 giugno 2019

Orari di visita

  • lunedì, martedì, venerdì: 10.30 -13.30
  • mercoledì: 15.00-18.00
  • giovedì: 11.00-14.00; 15.00-18.00

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here