Luce e colore

Regine Schumann. La luce e le vibrazioni del colore

Regine Schumann -“Colormirror Rainbow-Glow – After-Toronto” (2020)-72 x 40 x 8 cm (courtesy photo: Regina Schumann – DEP Art Gallery)

L’artista tedesca Regine Schumann (1961) ha sviluppato negli anni un interesse crescente verso i rapporti fra il colore e i differenti effetti luminosi determinati dai materiali fluorescenti.

Nel suo lavoro artistico pone per questo in relazione le diverse frequenze luminose e le vibrazioni cromatiche elaborate e strutturate all’interno di lightbox realizzate ad hoc con lastre di colori acrilici, caratterizzando ambienti luminosi concettuali specifici, che rimandano da un lato all’applicazione della teoria dei colori di Goethe, e individuano dall’altro precise configurazioni di luce per le temperature ambiente degli spazi architettonici.

Regine Schumann -“Colormirror Satin on Top of Red Ontario” – (2019)-132 x 162 15 cm (courtesy photo: Regina Schumann – DEP Art Gallery)
Regine Schumann –“Colormirror-Yellow-Green-Bonn. Colormirror-Violet-Orange-Bonn” (2018) 215 x 110 x 10 cm cad. (courtesy photo: Regine Schumann – DEP Art Gallery)

Ora i lavori dell’artista – proposti nella personale a lei dedicata dal titolo “Chromasophia” presso la Dep Art Gallery a Milano, a cura di Alberto Zanchetta – propongono per la prima volta in Italia le opere della serie Moons, nelle quali è possibile scorgere strette relazioni con i lavori di Mark Rothko o Dan Flavin, e dove tuttavia la dimensione personale della Schumann si evidenzia per i suoi aspetti caratterizzanti nel modo di trattare le luci e le ombre e i movimenti cromatici e tridimensionali delle sue rappresentazioni.

DEP Art Gallery

Milano

Regine Schumann – “Chromasophia”

Fino all’8 maggio 2021

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here