Ricerca

OLED. Alla ricerca di nuovi materiali per fare luce

Il composto elettroluminescente CuPCP produce un’intensa emissione luminosa verde quando viene applicata la corrente e anche alla luce UV (photo credit: Università di Brema – Matthias Vogt)

I ricercatori dell’istituto svizzero PSI Paul Scherrer Institute stanno lavorando su un nuovo materiale per la produzione di luce con diodi organici (OLED), caratterizzato da elevate rese luminose e costi contenuti per produzioni su grande scala.

Si tratta di un composto elettroluminescente su base rame (più ecologico dei metalli utilizzati fino ad ora per gli OLED come l’iridio) che promette anche potenzialità di utilizzo su superfici di emissione più estese di quelle realizzabili attualmente.

Il composto CuPCP è stato testato in collaborazione con le due strutture di ricerca del PSI Paul Scherrer Institute – la Swiss Light Source SLS e con il laser a elettroni liberi a raggi X SwissFEL, oltre che presso l’European Synchrotron Radiation Facility di Grenoble – e tutte le misurazioni effettuate hanno confermato come le proprietà chimiche quantistiche di questo composto permetttano l’ottenimento di un’elevata resa luminosa.

Questi stessi studi dovrebbero aiutare anche i ricercatori a comprendere quali elementi delle molecole del composto sono di ostacolo all’ottenimento di elevate efficienze nell’emissione di luce, e quindi a come selezionare e migliorare ulteriormente le componenti del composto per aumentare le sue prestazioni luminose.

Per saperne di più

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here