Spazi dell’abitare

Luce e architettura per il paesaggio andaluso

Cadice, Villa privata. Un’immagine diurna dell’ampio portico esterno (photo credits: Javier Olmo)

Nell’architettura contemporanea la luce ha un ruolo centrale nell’evidenziare i linguaggi delle forme e dei materiali, ancor più quando il progetto si propone in un rapporto di integrazione e dialogo con gli spazi del paesaggio naturale.

È questo il caso della residenza privata a Sanlúcar de Barrameda, in Andalusia nei dintorni di Cadice, dove un attento progetto d’illuminazione ha saputo valorizzare con grande coerenza le scelte architetturali progettuali con i desiderata della committenza.

Il progetto architettonico a cura dello studio G3 Arquitectura e Interiorismo di Granada sviluppato su uno studio approfondito dei materiali e degli spazi verdi si è avvalso della progettazione illuminotecnica realizzata dallo studio di lighting design BIG Architectural Lighting che ha voluto la collaborazione di Performance iN Lighting nella selezione degli apparecchi di illuminazione più adatti al progetto.

Nella sua articolazione spaziale, il progetto di questa villa è stato strutturato nella ricerca del migliore equilibrio possibile nel gioco di relazione continua tra spazi esterni ed interni, espresso nelle forme di una flessibilità spaziale oggettivata dalla presenza di grandi vetrate, che nelle ore diurne, si caratterizzano per l’effetto omogeneo e diffuso della luce naturale, mentre durante le ore notturne, ripropongono lo stesso effetto visivo in un continuo gioco chiaroscurale.

Per questo la presenza di una serie di proiettori (‘Quasar 20’ e ‘Quasar 10’, design: Roberto Fiorato e Franco Pagliarini, per PiL Performance iN Lighting) installati lungo le pareti perimetrali della villa sono stati scelti per modulare gli esterni dell’edificio e porre in evidenza i colori delle superfici, grazie alla selezione del tono cromatico della luce.

Cadice, Villa privata. Nell’immagine notturna, in evidenza alcuni dei proiettori LED (‘Quasar’ 20, design: Roberto Fiorato e Franco Pagliarini, per PiL Performance iN Lighting) (photo credits: Javier Olmo)

L’ampio portico esterno della villa, che è stato progettato come uno spazio di transizione interamente vivibile, pone in comunicazione gli spazi abitabili interni dell’abitazione e le aree esterne attraverso la mediazione della luce: l’illuminazione realizzata non deve adattarsi infatti soltanto alle geometrie degli spazi ma deve esaltarne la bellezza e le qualità cromatiche.

Al crepuscolo e durante le ore notturne, l’illuminazione ricrea in questo modo una situazione naturale, dove l’oscurità prende posto accanto alla presenza di una luce intima e funzionale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here