Smart Office e nuove tecnologie per l’ufficio

La sperimentazione universitaria

Screenshots di esempio della APP ComfortSense

A Torino, i risultati di un interessante network di ricerca e progettazione attorno all’ottimizzazione dei parametri energetici e alle soluzioni Smart per gli ambienti di studio e di lavoro

All’interno dell’Università degli Studi di Torino, UniToGO (Unito Green Office) è il nuovo Hub della Sostenibilità, nato per favorire il raggiungimento dell’obiettivo di Ateneo 1.4 “Incrementare la responsabilità sociale, economica e ambientale dell’Ateneo” delle Linee Strategiche 20162020.

L’attività di UniToGO, volta a coordinare le attività in essere, a programmare, progettare e promuovere iniziative in tema di Sostenibilità Ambientale dell’Ateneo, si basa su tre linee guida – conoscere, coinvolgere, cambiare – e su 5 gruppi di Lavoro consolidati – Energia, Acquisti Pubblici Ecologici, Mobilità, Rifiuti, Cibo – ed il neonato gruppo sui Cambiamenti Climatici.

Per l’Energia, il Working Group Energia è attivo dal 2014, e prevede la partecipazione di diverse professionalità e la sinergia fra differenti Dipartimenti, oltre a collaborazioni con Partner istituzionali ed Aziende private.

Il Working Group Energia ha realizzato il monitoraggio dei consumi energetici ed elaborato il Piano Energetico di Ateneo  che mira a razionalizzare il consumo delle risorse primarie, migliorare l’efficienza energetica degli edifici, diminuire le dispersioni, aumentare la produzione di energia da fonti rinnovabili, predisporre i bilanci energetici in funzione dei parametri economici e degli usi finali e rendere pubblici i dati energetici.

Il Working Group Energia, inoltre, ha l’obiettivo di continuare l’implementazione del Piano Energetico elaborato e proporre ulteriori azioni concrete per migliorare l’efficienza energetica delle strutture e degli edifici dell’Ateneo: dalla produzione energetica da fonti rinnovabili alla ristrutturazione degli edifici, dal miglioramento dell’isolamento termico delle pareti alla sostituzione di apparecchiature obsolete con altre più efficienti.

Tra le varie iniziative è stato realizzato presso l’Università degli Studi di Torino, in collaborazione con alcune imprese private e Startup della città di Torino, il progetto di ricerca interdisciplinare ComfortSense che, sfruttando le tecnologie dell’Internet Of Thing e delle Smart City, mirava a migliorare l’efficienza energetica degli edifici e il comfort delle persone. Nell’ambito delle varie iniziative del progetto, sono state anche organizzate iniziative di sensibilizzazione del personale e di coinvolgimento degli studenti di UniTo.

Il progetto ComfortSense  non è legato unicamente alla luce ma più in generale al concetto di Comfort Indoor. Comfortsense aveva l’obbiettivo di confrontare parametri oggettivi, con sensori di luce, temperatura, umidità, e soggettivi, grazie alla possibilità di scaricare un’App per Android in cui segnalare il comfort relativamente al livello di caldo, freddo, luce, in modo da poter modificare i parametri a seconda dei feedback degli utenti.

All’interno del progetto ComfortSense è stata monitorata in particolare anche l’illuminazione, la quale rappresenta un elemento fondamentale per definire il comfort in un luogo di studio e lavoro. Le nuove installazioni prevedono infatti sistemi di luci a basso consumo e l’utilizzo di tecnologie smart office (regolazione con luce naturale esterna, sensori di presenza, ecc…).

Sensori fissi e sensori Wearable

Numerosi sensori ambientali fissi sono stati installati in diversi edifici dell’Università di Torino, quali il Campus Luigi Einaudi, il Dipartimento di Fisica e la Scuola di
Management ed Economia.

I sensori sono serviti a monitorare e misurare la temperatura, l’umidità, la concentrazione di CO2 e l’intensità dell’illuminazione. Inoltre, durante il progetto di ricerca numerosi studenti sono stati direttamente e attivamente coinvolti in un Living Lab.

Il Living Lab si è basato su di un approccio di Co-Design e coprogettazione al fine di adottare i suggerimenti e i consigli degli utenti finali, (studenti, ricercatori, personale T/A e accademico), direttamente durante la fase di progettazione e di design.

Studenti, ricercatori e professori (circa 650 utenti coinvolti) hanno anche partecipato attivamente nella fase di Test Beta dei wearable e dell’App Mobile, raccogliendo oltre 5000 feedback in breve tempo. Ognuno, in possesso di un sensore wearable, aveva la possibilità di visualizzare in tempo reale le variabili ambientali sul proprio SmartPhone mentre tramite l’App di ComfortSense, direttamente scaricabile dall’AppStore di Google, era possibile inviare i propri feedback su temperatura, luminosità affollamento e rumore direttamente alle Direzioni Tecniche dell’Università e all’Energy Manager, rendendo l’ambiente adattabile a seconda dei feedback ricevuti

(a cura di arch. Sara Berta, progettista – Borzelli & Berta Architetti, Roma)

***

SMART OFFICE E NUOVE TECNOLOGIE PER L’UFFICIO

Quali prospettive di sviluppo esistono per il progetto di illuminazione nel contesto della luce per gli uffici?

Jacopo Acciaro

Risponde: arch. Jacopo Acciaro, founder e CEO – studio Voltaire Lighting Design

“…La grande sfida del progetto illuminotecnico in ambito office è riuscire a coniugare gli aspetti normativi, architettonici, energetici (soddisfacimento delle certificazioni LEED – WELL) e naturalmente economici”.

“La cultura del progetto e la conoscenza dei processi che governano gli aspetti sopra descritti si devono integrare nell’intento di generare ambienti caratterizzati da dinamiche complesse fortemente qualitativi. Il benessere e la salute psicofisica di chi quotidianamente vive gli spazi in archi temporali estremamente lunghi sono gli obiettivi primari della progettazione illuminotecnica in ambito office”.

“Un tema sicuramente innovativo, che ha grandi margini di sviluppo, è l’interazione tra i sistemi illuminotecnici e i fruitori delle aree che caratterizzano il mondo office. La possibilità di personalizzare il proprio “mood” attraverso la gestione della luce, relazionandola alle proprie caratteristiche ed esigenze specifiche, rappresenta un grande obiettivo progettuale per il raggiungimento di performance importanti legate al comfort ed al benessere fisico e mentale”.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here