Una sospensione innovativa e sostenibile

Fra parentesi, Graffa

La sospensione ‘Graffa’ (design: Roberto Bellavere, courtesy: Studio 2mb)

L’engineering della lampada ‘Graffa’, un apparecchio di illuminazione a luce LED che coniuga in modo inedito e con equilibrio la progettazione tecnica alle soluzioni formali e alla scelta dei materiali utilizzati

Il concept progettuale

Da un lungo e attento lavoro di ricerca è derivata l’idea progettuale che ha condotto alla creazione di un apparecchio di illuminazione innovativo, sia per stile che per rendimento illuminotecnico, con la definizione di una sospensione accattivante per l’utente sul profilo estetico, capace di conservare però ad un tempo tutte le caratteristiche di una lampada di facile collocazione in ambito architetturale, e corredata sul profilo tecnico da una sorgente con tecnologia a luce LED performante e ad alto rendimento luminoso, mantenendo sempre ridotti consumi energetici.

Molteplici le prove effettuate al fine di stabilire quale fosse il miglior equilibrio di proporzionalità delle linee costruttive giungendo alla forma ottenuta, visibile in queste pagine: un simbolo matematico, quale la parentesi graffa, ha generato così l’idea di creare il prototipo soggetto per un corpo luce originale, ottenuto dall’unione degli estremi di due parentesi graffe.

Il concept progettuale con lo sviluppo geometrico speculare della sospensione ‘Graffa’ (design: R. Bellavere, courtesy: Studio 2mb)
‘Graffa’ (design: R. Bellavere, courtesy: Studio 2mb)

Materiali e sostenibilità

Ogni prototipo, dopo essere stato disegnato, richiede nel suo sviluppo successivo il supporto del materiale più consono per poter essere realizzato. Nel caso di ‘Graffa’, la scelta è caduta sul Corian, un materiale solido composto da 1/3 di resina acrilica (PMMA) e per 2/3 da minerali naturali, capace di assicurare prestazioni di alto livello e qualità estetiche oltre a grande flessibilità sul piano delle applicazioni creative.

Molto resistente, di semplice manutenzione e di grande durevolezza, le caratteristiche del materiale nobilitano la sospensione. In aggiunta, il Corian è ecologico e pienamente sostenibile, in quanto è prodotto in conformità alle norme più severe che limitano gli scarti ed il consumo di energia, oltre ad essere inerte e atossico.

Le soluzioni per l’illuminazione

Per assicurare un risultato illuminotecnico performante, in ‘Graffa’ sono stati utilizzati diodi LED ultima generazione (di Nichia Corporation), corredati di ottica secondaria di alta qualità. Questo approccio ha consentito di ottenere, in termini di resa luminosa, un risultato ottimale, mantenendo contemporaneamente consumi energetici molto limitati.

Nello stampo in Corian è stato previsto un supporto integrato di alluminio, studiato con la precisa finalità di dissipare l’energia termica nella maniera più efficace possibile, per il mantenimento di temperature d’esercizio costanti e mai elevate, anche dopo diverse ore di funzionamento, per allungare la durata di vita dei LED.

(courtesy: Studio 2mb)

L’alimentatore è predisposto per la dimmerazione: una scelta relazionata al fatto che oggi è diventato un fattore irrinunciabile, nella pratica applicativa architetturale, la creazione di scenari luminosi differenziati a seconda delle esigenze dell’utilizzatore.

(a cura di Roberto Bellavere, product manager – Studio 2mb)

 

IL DESIGNER

Il designer e Product manager Roberto Bellavere (courtesy: Studio 2mb)

Nato nel 1972, da sempre affascinato dal mondo del Design, il progettista e Product Manager Roberto Bellavere è cresciuto in questo contesto, anche grazie all’attività di famiglia con cui continua tuttora a collaborare.

Bellavere ha avuto modo di approfondire i contenuti stilistici di differenti fasi storiche del Design contemporaneo, spaziando dai mitici anni ‘70 fino ad oggi, attraverso un lavoro progettuale sempre ispirato da un concept di sobrietà, ideando soluzioni che hanno saputo confermare nel tempo il loro carattere esclusivo.

La sospensione ‘Graffa’ ad oggi è stata catalogata in una pubblicazione del Gruppo Editoriale Giorgio Mondadori, e presentata presso la Casa delle Arti – Spazio Alda Merini a Milano e a Stoccarda, presso l’istituto Italiano di Cultura.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here