Biosphera 2.0

Passiva e itinerante la casa del futuro

DSC03416-950x633

 

 

 

 

 

 

 

 

 

E’ stata installata ai piedi del Monte Bianco, per un progetto itinerante che si sviluppa in un arco di tempo di 1 anno, in sei differenti località, Biosphera 2.0, progetto ambientale energeticamente efficiente per una casa del futuro, definito da un modulo abitativo su una superficie ridotta di 25 m2 .

Biosphera 2.0 è corredato dal punto di vista impiantistico di tutte le soluzioni più innovative, dall’illuminazione a luce LED, alla cucina a induzione, dagli elettrodomestici agli impianti di riscaldamento e raffrescamento, ed è stato progettato per assicurare una temperatura dell’aria compresa tra i 21° C in inverno e i 25° C in estate, anche in condizioni estreme.

Si tratta di un progetto internazionale di ricerca promosso dal Dipartimento di Architettura e Design del Politecnico di Torino, dall’Università della Valle d’Aosta e da ZEPHIR – Passivhaus Italia, Minergie e PEFC, con Aktivhaus e Vallée d’Aoste Structure. Il modulo abitativo, il primo ad essere costruito in linea con i protocolli di certificazione degli standard di edificio passivo più avanzati Passivhaus e Minergie-P, si sposterà tra Aosta, Milano, Rimini, Torino e Lugano.

dsc03387_ori_crop_MASTER__0x0-593x443

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il concept del progetto architettonico è stato sviluppato a partire dai lay out elaborati da un team di studenti di architettura del Politecnico di Torino, vincitori di un concorso organizzato dal gruppo Woodlab del Politecnico di Torino, dalla start up be-eco, da Valleé d’Aoste Structure e dall’Università della Valle d’Aosta – Université de la Vallée d’Aoste, network al quale hanno partecipato oltre 100 studenti di architettura e ingegneria provenienti da tutta Italia.

Per un anno intero verranno registrati i dati di oltre 20 parametri relativi all’involucro edilizio e alla fisiologia umana quali temperatura, umidità ,qualità dell’aria, campi  elettromagnetici, polveri sottili, frequenza cardiaca, temperatura della pelle e stato emotivo degli abitanti.

Concept design:

Giulia Azaria, Valeria Bosetto, Marco Casaletto, Matteo Cilia, Karen Rizza, Jasser Salas Castro, Simone Vacca d’Avino – team WoodLab Politecnico di Torino

Final design:

Giulia Azaria, Valeria Bosetto, Jasser Salas Castro, Maria Niccoli, Simone Vacca d’Avino team WoodLab Politecnico di Torino

Working plan:

Aktivhaus

Building Physics:

Francesco Nesi (ZEPHIR – Passivhaus Italia)

Project supervisor:

Guido Callegari (Politecnico di Torino DAD), Mirko Taglietti (Aktivhaus)

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here