Zumtobel Group Award 2017

Zumtobel Group Award 2017. Sostenibilità e funzione della luce

Zumtobel Group Award 2017. Categoria “Urban Developments”. Arnhem – Arnhem Central Station (courtesy: Zumtobel Group) (photo: Eva Bloem)

Zumtobel Group Award è un premio di architettura rivolto ad evidenziare i risultati della ricerca applicata al design e alla tecnologia dei sistemi ad una progettazione sostenibile dal punto di vista delle risorse e dell’ambiente.

Anche per l’edizione di quest’anno la Giuria – composta dall’architetto Zhang Ke (ZAO/standardarchitecture), Elgar Fleisch, docente di Information Management, Elizabeth Diller (Studio di Architettura Diller Scofidio + Renfro), Ulrich Schumacher (CEO Zumtobel Group), Elke Delugan-Meissl (Delugan Meissl Associated Architects), Kjetil Trædal Thorsen (Snøhetta Architects), Klaus Daniels (HL-Technik Engineering GmbH) e dall’architetto Holger Hagge (Architect & Management Expert) – ha decretato il nome dei progetti e degli studi vincitori, per le categorie “Building” (presentata dal brand Zumtobel), “Urban Developments” (presentata dal brand Thorn), “Applied Innovations” (presentata dal brand Tridonic) e per la nuova categoria proposta per la prima volta per questa edizione, “Young Professionals”, con la quale si è voluto istituire un premio speciale per giovani professionisti ( i progetti di tutte e tre le categorie possono in realtà beneficiare di questo premio speciale se le persone che hanno presentato il progetto hanno meno di 40 anni il 15 gennaio 2017).

Zumtobel Group Award 2017. La Giuria

I vincitori individuati sono stati per la categoria ‘Buildings’ lo studio Michael Maltzan Architecture per il progetto del complesso ‘Star Apartments’, per la categoria ‘Applied Innovations’ l’italiano Arturo Vittori con ‘Warka Water’, per la categoria ‘Urban Developments’ l’olandese UNStudio con il progetto per la ‘Arnhem Central Station’, mentre l’Atelier TeamMinus (Cina) è stato premiato con il Premio speciale ‘Young Professionals’ per lo ‘Jianamani Visitor Center’.

Nell’ambito delle proposte dei progetti premiati, due in particolare ci sono sembrati quelli che hanno posto il progetto del lighting in particolare evidenza: quello nella categoria ‘Buildings’ con il progetto ‘Star Apartments’ e quello del progetto per la Arnhem Central Station, per la categoria ‘Urban Developments’.

Zumtobel Group Award 2017. Categoria “Building”. Los Angeles, Star Apartments (courtesy: Zumtobel Group) (photo: Iwan Baan)
Zumtobel Group Award 2017. Categoria “Building”. Los Angeles, Star Apartments (courtesy: Zumtobel Group) (photo: Iwan Baan)

Abbiamo rivolto ai referenti dello Studio americano Michael Maltzan Architecture una domanda per capire meglio quale sia stato il tipo di approccio seguito in relazione al progetto di illuminazione nei differenti spazi nel progetto per gli ‘Star Apartments’ a Los Angeles.   “…In tutto l’edificio, apparecchi di tipo lineare  economici sono stati utilizzati in modi inaspettati per evidenziare il carattere architettonico dell’edificio e creare una sensazione di comfort e sicurezza per i residenti dell’edificio.

A volte appesi in verticale a formare una linea, a volte posizionati a parete o montati a plafone e disposti a schiera, il nostro concept per il progetto illuminotecnico generale riprende la filosofia del design applicata all’intero edificio, con la presenza di elementi di design ben progettati e costruiti, ma economici, in grado di influire positivamente sul design architettonico e la vita quotidiana dei residenti”.

Questo approccio razionale all’utilizzo del sistema di illuminazione all’interno del progetto accomuna anche la filosofia di concept seguita dai progettisti olandesi di UNStudio, vincitori per la categoria ‘Urban Developments’ con il progetto per la ‘Arnhem Central Station’, un vero e proprio hub multifunzionale per il trasporto pubblico dove il progetto dell’illuminazione si muove su due differenti livelli interattivi, naturale e artificiale, e nel quale è stata posta una particolare attenzione nella gestione dei rapporti fra questi due ambiti.

“..Nel nostro progetto la luce naturale è stata immaginata come flusso dall’esterno ed è stata utilizzata per supportare l’orientamento per gli utenti della stazione, in quanto le persone hanno una naturale tendenza a camminare verso la luce (solare). Per questa ragione i lucernari e le facciate sono progettati per indirizzare la luce solare naturale verso i principali punti di orientamento. Così la luce naturale permette agli utenti un orientamento intuitivo, che è uno degli obiettivi principali del progetto”.

Zumtobel Group Award 2017. Categoria “Urban Developments”. Arnhem Central Station (courtesy: Zumtobel Group) (photo: Pieter Kers)
Zumtobel Group Award 2017. Categoria “Urban Developments”. Arnhem Central Station (courtesy: Zumtobel Group) (photo: Hufton Crow)

“La luce artificiale viene trattata come proveniente dall’interno e riflette sulle superfici architettoniche per creare una sorta di faro luminoso che emette luce verso l’esterno nel corso della notte: questo rafforza anche la trasparenza delle facciate nelle ore notturne, rendendo questo punto di riferimento urbano una destinazione invitante in ogni momento della giornata. Le nostre scelte tecniche e la selezione degli apparecchi di illuminazione utilizzati si è così basata sulla combinazione di queste direzioni concettuali e dei requisiti tecnici richiesti per un ambito ambiente destinato al trasporto pubblico”.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here