Stati Uniti, Knight Foundation: quasi 2 milioni di dollari a 12 musei americani per sviluppare la presenza delle nuove tecnologie

Mint Museum, Charlotte, North Carolina (courtesy photo: Albert Vecerka/Esto)

Sostenere e sviluppare l’accesso soprattutto delle nuove generazioni ai capolavori dell’arte dei musei è un tema al quale oggi sono sicuramente divenuti sensibili curatori e direttori delle istituzioni museali in tutto il mondo.

I musei statunitensi stanno in tal senso sviluppando da tempo attività collaterali e programmi sempre più attenti alle esigenze poste dal loro pubblico e ora è arrivato a supportarli anche un’importante fondazione americana attiva nel sostegno alle arti e all’editoria, The John S. and James L. Knight Foundation, con un importante stanziamento di 1.87 milioni di dollari da dividere tra dodici musei americani, destinato a sviluppare ed esplorare le forme del rapporto tra arte e nuove tecnologie attraverso l’utilizzo di un’ampia gamma di strumenti, dalle applicazioni di realtà aumentata alle videoproiezioni digitali e alle soluzioni interattive.

I 12 musei interessati sono stati elezionati in base a progetti specifici:

Akron Art Museum (Ohio, con 173.329 dollari); 

Barnes Foundation di Merino Station (Filadelfia, con 155.000 dollari);

Carnegie Museums of Pittsburgh (con 150.000 dollari);

Detroit Institute of Arts, uno dei musei più importanti degli Stati Uniti sia per il valore della collezione sia per il numero di visitatori (con 150.000 dollari; per un programma di realtà aumentata e di animazione 3D che offra nuove possibilità di lettura della collezione);

Institute of Contemporary Art di Miami (con 200.000 dollari);

Minneapolis Institute of Art (con 148.800 dollari);

Mint Museum, a Charlotte, North Carolina (con 150.000 dollari per rendere più attraente la struttura attraverso una serie di opere pubbliche interattive realizzate utilizzando il suono e la luce); 

Museum of Arts and Sciences (con 100.000 dollari, per creare il FullDome Festival, un festival che si occupa del rapporto tra cinema e scienze);

Museum of Contemporary Art di Chicago (con 150.000 dollari);

New Museum di New York, con 250.000 dollari per aumentare attraverso lo sviluppo di un’apposita tecnologia il numero dei visitatori e la loro gestione;

 

New Museum of Contemporary Art, New York

Pérez Art Museum di Miami (con 150.000 dollari da utilizzare in una applicazione di realtà aumentata che migliori la fruizione delle opere attraverso video, testi esplicativi e mappe interattive);

Vizcaya Museums and Gardens di Miami, con 100.000 dollari per migliorare l’esperienza della visita al museo attraverso la realtà aumentata e il 3D per rendere fruibile ai visitatori anche la parte di museo inaccessibile.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here