“Sculture con Luce”. La materia luce nella scultura contemporanea

“Sculture con la luce”. Piero Gilardi – “Iris” (cortesia: Spazio Parentesi – Torino)

La luce è spesso un materiale che definisce, rappresenta e caratterizza in modo simbolico lo spazio e a questo tipo di contenuti l’espressione artistica ha sempre posto la massima attenzione, sia sul piano creativo che su quello tecnico.

È di questi temi che tratta l’esposizione collettiva aperta dal 1 dicembre presso lo Spazio Parentesi a Torino, che in questa mostra propone – attraverso le opere di alcuni fra gli artisti più attenti della scena dell’arte contemporanea, Ennio Bertrand, Piero Gilardi e Giorgio Tedesco –  un dibattito aperto sui concetti attuali di consumo, sostenibilità della percezione estetica e modalità della divulgazione artistica.

Ennio Bertrand lavora da sempre utilizzando la luce come materiale e le sue lampade interagiscono con una serie di ‘cieli’,  teli illuminati e seriali che si propongono in sequenze casuali e con la tecnica operativa resa possibile dall’utilizzo di una stampante 3D, proponendo dei codici di interazione tra pubblico e opera.

Piero Gilardi  propone invece due “Iris”, opere di concept, nel recupero caro all’artista dell’immagine naturale, in questo caso definita nella figura di ‘canne luminose’ poste in un sottile equilibrio tra natura, simulazione e serialità.

Le opere di Giorgio Tedesco (della serie “Phono Cromo”) si muovono intorno all’idea di porre in relazione le tecniche di lavorazione dei materiali e le loro caratteristiche, con il materiale luce, in grado di dare valore all’oggetto mostrato.

Sono presenti in mostra anche le opere di Jean-Paul Charles, un artista che ha recentemente operato nell’ambito dei laboratori dell’Accademia Albertina di Belle Arti, e che presenta opere informali, con il suo libro d’arte “Le Voyage de Jean-paul Charles”.

 

“Sculture con Luce”

Ennio Bertrand, Piero Gilardi e Giorgio Tedesco

Spazio Parentesi – Torino

Curatore: Ivan Fassio

Fino al 15 Gennaio 2018

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here