Riflessioni lunari: il Grand Canal e il paesaggio notturno del Ying Yue

 Hangzhou, Ying Yue
Hangzhou, Ying Yue

Storicamente, la città di Hangzhou iniziò a svilupparsi quando fu avviata nel 610 A.C la costruzione del Grande Canale a completamento dell’incredibile via d’acqua artificiale realizzata fra il 722 e 481 A.C. per collegare Pechino, per 1.794 chilometri di distanza fino alla Cina del nord…

…Nel 2007, il governo di Hangzhou ha deciso di trasformare l’immagine del Grand Canal e di sviluppare il turismo riqualificando le passeggiate lungo le sponde del canale e lanciando la costruzione di una nuova flotta di imbarcazioni.

L’Amministrazione ha voluto inoltre finanziare la realizzazione di un nuovo paesaggio notturno attraverso l’illuminazione che avrebbe aumentato il Canale su una lunghezza di 10 chilometri fino nel centro della città, diventando così sia per i cinesi che per i turisti stranieri un momento di attrazione.

Alla fine del 2007,il Governo ha incaricato lo studio Zhongtai Lighting, uno studio cinese di lighting design che – in collaborazione con lo Studio Concepto – ha messo a punto il progetto per il Piano generale di illuminazione del Grand Canal. La fusione delle diverse competenze tecniche e culturali cinesi ed europee si è concretizzata all’inizio del 2008 e si è conclusa con la presentazione del nuovo paesaggio notturno dello Ying Yue al Governatore ed alla popolazione di Hangzhou nel settembre dello scorso anno.

Hangzhou, Ying Yue. Un dettaglio dell’antico ponte con la pagoda: è visibile l’effetto cromatico di illuminazione di una delle sponde del Grand Canal (cortesia: Agence Concepto & Zhongtaï)
Hangzhou, Ying Yue. Un dettaglio dell’antico ponte con la pagoda: è visibile l’effetto cromatico di illuminazione di una delle sponde del Grand Canal (cortesia: Agence Concepto & Zhongtaï)

Lo scopo del progetto

L’obiettivo della piattaforma congiunta del progetto di illuminazione era quello di mettere in rilievo la bellezza  del luogo, la sua monumentalità, i suoi caratteri di identità e la ricchezza dell’architettura e del paesaggio. I progettisti non hanno inteso decorare il luogo con le luci; al contrario hanno voluto che fosse la luce ad esprimere le qualità inespresse ed il grande potenziale in termini di paesaggio notturno del Grand Canal.

L’illuminazione inoltre è stata richiesta per rispettare ed esprimere la cultura cinese del sud della Cina. E naturalmente, l’utilizzo delle più recenti tecnologie LED, principalmente prodotte in Cina, è stata una scelta conseguente. Il paesaggio delle sponde del Canale è unificato da una luce verde blu che può variare da un colore azzurro freddo nei mesi invernali adun colore verde caldo nella stagione estiva.

L’illuminazione colorata genera un ambiente misterioso e tranquillo che dà risalto al bel percorso curvo del canale. L’umidità e la nebbia che spesso salgono dall’acqua al tramonto amplificano l’effetto della luce artificiale e producono forti  emozioni per gli ospiti. La foschia verde blu dilata il profilo del canale in un’atmosfera romantica e sensibile, che ricorda una pittura cinese ad acquarello.

Hangzhou, Ying Yue. Il nuovo paesaggio notturno del Grand Canal (cortesia: Agence Concepto & Zhongtaï)
Hangzhou, Ying Yue. Il nuovo paesaggio notturno del Grand Canal (cortesia: Agence Concepto & Zhongtaï)

Lo scenario luminoso

Ci sono molti edifici moderni vicino ed intorno al Grand Canal: cornici verticali luminose colorate sono installate sulle più alte sezioni architettoniche di queste costruzioni. Esse si stagliano nell’orizzonte come pitture virtuali e danno una forma disegnata agli scenari notturni, generando un paesaggio poetico e geometrico che sembra galleggiare sull’acqua mentre, da lontano, si pongono ad indicare la presenza invisibile del Grand Canal.

Il Canale è attraversato e collegato ai numerosi e più piccoli canali. Sostegni luminosi dotati di luce LED sono installati nell’acqua per attirare l’attenzione sul sistema complesso: questi emettono la luce verso il basso, sul pelo dell’acqua increspata, creando piacevoli riflessioni sulla superficie nera dell’acqua. Il cilindro traslucido di questi apparecchi, il cui corpo è incassato in un telaio in metallo, galleggia e si muove con l’effetto dell’onda creata dalle barche di passaggio, in relazione al livello dell’acqua.

Durante i viaggi sulle barche, i turisti potranno scoprire ed ammirare una vista notturna delle attrazioni illuminate di differenti dimensioni, come i padiglioni, le pagode, le tradizionali case da tè, il molo moderno, i ponticelli, le intersezioni del canale, gli alberi, le statue ecc. Uno di questi luoghi, un sito con lunghezza di 300 m, denominato Ying Yue (“riflessioni della luna„ in cinese) è stato scelto come il primo esempio concreto del progetto pilota di illuminazione.

Hangzhou, Grand Canal e landscape notturno di Ying Yue. Prospetto di una delle sponde (cortesia: Agence Concepto & Zhongtaï
Hangzhou, Grand Canal e landscape notturno di Ying Yue. Prospetto di una delle sponde (cortesia: Agence Concepto & Zhongtaï)

Il sito, collocato su un’intersezione del canale e attraversato da un bel ponticello antico che ha alle sue spalle una sbalorditiva pagoda, ospita un parco delizioso ed alcuni padiglioni cinesi tradizionali che sono stati recentemente rinnovati dalle autorità locali e che sono molto apprezzati dalla gente del posto nelle ore serali.

Hangzhou, Ying Yue. La splendida pagoda nella poetica valorizzazione data dall’illuminazione notturna (cortesia: Agence Concepto & Zhongtaï)
Hangzhou, Ying Yue. La splendida pagoda nella poetica valorizzazione data dall’illuminazione notturna (cortesia: Agence Concepto & Zhongtaï)

Il progetto di illuminazione di Ying Yue ha richiesto soltanto 2 mesi per progettazione e realizzazione (la stessa cosa avrebbe richiesto il tempo di almeno un anno in qualunque paese europeo).

Questa nuova illuminazione ha completamente trasformato il luogo a favore degli ospiti ma ha anche portato un’atmosfera notturna originale ed allegra per il piacere della gente locale. Il poetico paesaggio notturno realizzato qui è chiaramente il risultato scaturito dal piacevole incontro del lighting design europeo con la moderna cultura cinese dell’illuminazione.

 

(Roger Narboni, Lighting designer Agence Concepto – Bagneux, France)

 

Hangzhou – Il Grand Canal e il landscape notturno di Ying Yue

Hangzhou – Piano generale di illuminazione per il Grand Canal (lunghezza 10 chilometri):

gennaio – febbraio 2008

Progettazione e costruzione dell’impianto di illuminazione per il paesaggio notturno di Ying Yue (sito di 300 m in lunghezza): 2 mesi

Proprietario di progetto: Municipalità di Hangzhou

Lighting Design in Francia: Roger Narboni, Studio CONCEPTO

Frédérique Parent e Mélina Votadoro, responsabili di progetto

Lighting Design in Cina: Wan Hong, responsabile di progetto Zhongtaï Lighting Group

Ufficio tecnico progetti: Zhongtaï Lighting Group, Hangzhou

Apparecchi di illuminazione:proiettori con luce blu e verde LED Roled, con configurazione di 36 x 1 W

– proiettori per illuminazione diffusa con lampada ad alogenuri metallici da 400 W e filtro colore sui pali d’acciaio alti 9 m

– proiettori parzialmente incassati nel suolo con lampada ad alogenuri metallici con bruciatore ceramico da 70 W, con temperatura colore di 3000 K

– proiettore per illuminazione architettonica con configurazione 6 x 3 W a LED, a luce bianca calda, tc 3000 K

– Micro proiettore da 1 W LED, luce bianca calda, tc 3000 K

– proiettori incassati al suolo da 3 W LED, con luce bianca calda, tc 3000 K

– apparecchi custom made con corpo a palo subacqueo con altezza 4 m con LED in configurazione 6 x 3 W colore azzurro e 6 x3 W colore ambrato

– apparecchio Linear LED, configurazione 48 x 3 W, luce blu ciano

– apparecchio Linear LED, configurazione 54 x 1 W, luce bianca calda, tc 3000 K

– sistema di controllo DMX.

Totale potenza installata: 49,6 kW per un sito con lunghezza di 300 m, e largo 30 m

Fotografie e rendering: copyright Concepto & Zhongtaï

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here