Ricerca, progettazione e tendenze negli spazi commerciali

 

Luminous è un pavimento in vinile (realizzato da Tarkett), che incorpora LED ultrapiatti che riescono ad emettere luce attraverso la materia stessa del pavimento. I LED utilizzati per messaggi e per grafica sono controllati attraverso uno smartphone (cortesia: Philips Lighting)

Illuminazione e Retail costituiscono un binomio indissolubile, in quanto si compra ciò che si vede, a seconda di come lo si vede, in funzione di come si viene guidati e condotti al prodotto e dello stato emotivo che lo spazio determina nel compratore: in tutti questi aspetti è sempre la luce a dettare le regole del gioco

L’applicazione di sorgenti luminose nel Retail non si limita a soluzioni di integrazione nei soffitti, nelle pareti o negli elementi architettonici verticali in genere, ma riguarda anche l’integrazione dei sistemi luminosi nei larghi piani orizzontali dello spazio costruito.

Philips e l’azienda italiana Tarkett hanno presentato quest’anno a Düsseldorf alla rassegna Euroshop 2017, Luminous, un particolare pavimento in vinile, che incorpora LED ultrapiatti che riescono ad emettere luce attraverso la materia stessa del vinile, grazie alla sua speciale composizione.

Euroshop 2017: presentazione della nuova gamma di pavimenti in vinile luminosa LED

I LED sono controllati attraverso uno smartphone, per cui il commerciante può attivare testi ed elementi grafici, quali scritte, informazioni, pubblicità, indicazioni, per guidare il cliente e comunicare con lui, mentre questi si muove nello spazio commerciale.

Così il pavimento in vinile, provvisto di LED tra loro interconnessi, guida e aiuta i visitatori durante la visita dello spazio commerciale.

Il German Research Center for Artificial Intelligence DFKI ed EIT Digital, congiuntamente a Philips e al gruppo Globus, hanno condotto una ricerca, articolata in vari esperimenti, all’interno dei supermercati Globus, allo scopo di testare in che modo differenti combinazioni di luce colorata possono influenzare le vendite ed il comportamento dei clienti.

Nei supermercati Globus, è stato dimostrato come differenti combinazioni di luce colorata possono influenzare le vendite ed il comportamento dei clienti (sistema Philips –Storewise) (cortesia: Globus)

I risultati mostrano che gli apparecchi uplight a luce colorata, connessi ad un sistema Philips chiamato Storewise, hanno favorito l’aumento delle vendite e anche un risparmio energetico del 75%.

Il test si è svolto testando diversi scenari, uno con l’illuminazione generale propria del negozio, un secondo con apparecchi spotlight ed un terzo con una combinazione di apparecchi spotlight e apparecchi uplight con colorazione filtrata della luce in tonalità pastello nell’area delle vendite promozionali del negozio: ne è emerso che i migliori risultati nelle vendite si sono avuti dove sono state applicate le luci colorate.

Per la prima volta i ricercatori hanno quindi provato come diversi scenari luminosi condizionino il compratore. Gli spotlight hanno rafforzato la visibilità del prodotto, aumentandone il contrasto luminoso, mentre gli uplight a luce colorata hanno aiutato ad identificare la zona di vendita promozionale e a renderla visibile da lontano. Oltretutto, secondo la ricerca, i colori pastello rendono i clienti più felici e sereni durante l’esperienza dello shopping, a differenza del le luci sature di colore, che aumenterebbero i livelli di stress.

Un altro tema di grande interesse è quello della presenza di una illuminazione daylight negli spazi commerciali e – conseguentemente – quello relativo all’utilizzo di lucernari o solar pipes-sistemi di conduzione della luce. A tale riguardo rimane sempre attuale la ricerca condotta nel 2003 dal Heschong Mahone Group, oggi parte del TRC, commissionata dalla California Energy Commission, dal titolo ‘Daylight & Retail Sales’.

La ricerca dimostra come i negozi di una stessa catena abbiano vendite più alte, dove è presente l’illuminazione naturale, rispetto agli esercizi commerciali non provvisti di luce naturale.

Ricerche commissionate dal California Energy Commission, hanno dimostrato come punti vendita di una stessa catena fanno registrare vendite più alte dove è presente l’illuminazione naturale, rispetto agli esercizi commerciali non provvisti di luce naturale

La ricerca, basata su un modello statistico con 50 variabili, ha studiato 73 location in California, di cui 24 principalmente illuminate da lucernari. Ne è risultato che dove si prolungano le ore di luce solare, si verificano aumenti nelle vendite.

Nel 2015 il California Lighting Technology Center, UC Davis, sempre su richiesta della California Energy Commission ha prodotto un report, “Saving Energy in Retail Buildings with Adaptive Envelope Systems”, che dimostra come l’utilizzo di finestre e lucernari smart – ovvero in grado di adattarsi alle condizioni ambientali, quali i livelli di illuminazione diurna, l’occupazione dello spazio, la ventilazione – possano portare significativi risparmi energetici.

(arch. Iolanda Fortunato, progettista, Londra)

I TREND DEL RETAIL: PER SAPERNE DI PIÙ

Le nuove strategie di illuminazione, inserite nell’ambito di ampie strategie commerciali, sono state fra i temi portanti trattati nell’ambito del Retail Design Expo, tenutosi l’8 e il 9 maggio a Londra, attraverso conferenze e workshop

Il 27 settembre inoltre avrà luogo a Londra un evento, il Connected Lighting in Retail Conference 2017, che proporrà le migliori tecnologie per lo smart lighting finalizzato al mondo del retail.

Connected Lighting in Retail Conference 2017

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here