Per Regione Lombardia innovazione vuol dire anche “Smart Fashion and Design”

 

Tessuto luminoso “Dreamlux”

“Smart Fashion and Design” è la denominazione di un bando indetto da Regione Lombardia che vale 30 milioni di euro a fondo perduto, dedicato alla moda “intelligente” e al design al quale hanno risposto aziende e grandi imprese in collaborazione con enti pubblici, per un totale di 55 progetti di sviluppo per differenti ambiti applicativi, dalla eco-industria alle industrie creative e culturali, dal manifatturiero avanzato alle Smart Cities and Communities.

Tra le idee che saranno realizzate nell’arco dei prossimi due anni anche il progetto “Filo di Luce”, per accessori e design di abbigliamento con stoffa luminosa, in una linea moda che sfrutta la tecnologia di Dreamlux: un tessuto brevettato già 5 anni fa che contiene una fibra ottica che si illumina a comando per la presenza di luci LED.

Per questo progetto collaborano con il Politecnico di Milano le storiche società Samsara (Lodi) e Leu Locati (Milano).

La collezione che si sta progettando –  con un costo degli investimenti pari a quasi 2 milioni – verrà estesa anche alla lavorazione di capi in lino, seta e pelle, con l’idea di prevedere anche applicazioni ricamate e su supporti differenti. Se pure i costi – per la lentezza della lavorazione e il costo della fibra ottica – sono ancora elevati e finalizzati per il momento ad una clientela di alta gamma, in futuro non si può dire.

Tecnici specializzati nelle soluzioni LED si occupano dell’assemblaggio mentre il concept per il design degli abiti viene curato da alcuni artisti. Un altro aspetto interessante di questa ricerca applicativa risiede nella capacità della parte elettrica di resistere all’immersione.

Target di riferimento mondiale in termini di clientela: Cina, Russia ed Emirati Arabi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here