Parigi. L’opera di Lovegrove al Centre Pompidou

La sospensione a luce LED “Chlorophilia” (2015). La sorgente luminosa è definita da un LED COB, mentre gli elementi fitomorfici sono realizzati in tecnopolimero stampato, e combinano al movimento della superficie una sezione discontinua che lavora otticamente come una lente (design: Ross Lovegrove) (courtesy: Artemide)

Nell’ambito della serie di mostre ed eventi in corso a Parigi presso il Centre Pompidou, dal titolo “Mutations/Créations”, attraverso le quali vengono esplorati gli itinerari che legano il presente ed il futuro della riflessione artistica e scientifica all’evoluzione delle relazioni tra tecnologia digitale e creazione, troviamo “Ross Lovegrove, Convergence”, una mostra monografica dedicata dal Centre Pompidou al designer Ross Lovegrove, esposizione che resterà visibile fino al 3 luglio 2017.

La sospensione “Cosmic Angel” (2009), realizzata per sorgente alogena o a ioduri metallici. Il corpo lampada-riflettore è in materiale termoplastico verniciato, mentre gli elementi illuminanti sono in alluminio pressofuso (design: Ross Lovegrove) (courtesy: Artemide)

Come dice Lovegrove nella presentazione della mostra “Il design è un perpetuo stato di reinvenzione (…) il progettista è al centro delle problematiche ambientali attuali che interessano non solo la nostra condizione emotiva ed estetica ma anche la nostra coscienza collettiva come esseri umani in rapida e continua evoluzione, che deve costantemente adattarsi “.

Lampada “Florensis”, nella versione terra. Il design organico di Lovegrove traduce le esigenze della tecnologia LED in una forma floreale che diffonde luce indiretta e collabora con l’aria per favorire la dissipazione termica (courtesy: Artemide)

 

Artemide sostiene questo progetto del Centre Pompidou. Sono esposte in mostra le opere più significative del designer ispirate alla natura ed ai suoi processi evolutivi, evidenziando l’assidua ricerca di Lovegrove nei confronti di un dialogo tra natura e tecnologia, in un’area franca nella quale si attua la convergenza fra arte e scienza.

“Florensis”, dettaglio (design: Ross Lovegrove) (courtesy: Artemide)

La collaborazione tra Ross Lovegrove e Artemide, contraddistinta da un articolato percorso di ricerca materica e produttiva verso gli esiti del design organico e biomorfico, esprime qui alcune delle tappe più significative dalle prime opere alle più recenti produzioni del designer.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here