L’illuminazione urbana si fa LED: cambia la luce a Firenze

 

La città di Firenze sta portando avanti la sostituzione degli apparecchi di illuminazione urbana equipaggiati da lampade a vapori di sodio e mercurio con 30.000 nuovi apparecchi a luce LED. Il progetto, a cura del Comune di Firenze e SILFIspa, è stato quasi interamente finanziato dai fondi comunitari di PONmetro, e riguarda un totale di 1572 fra strade, piazze e giardini dei cinque quartieri cittadini.

Gli interventi programmati si sono posti diversi obiettivi, in primis quello della sicurezza stradale, insieme ad una migliore percezione dei colori e visibilità notturna grazie alla migliore resa cromatica della luce bianca LED. A questi aspetti, grazie al risparmio energetico dovuto alla diminuzione dei consumi annui (dai 21,8 mln al 10 mln di kWh), si deve anche la possibilità di un più prolungato esercizio degli impianti, con lo spegnimento dei lampioni alle 23.15.

Questo lotto di interventi, che ha preso avvio con l’inizio di quest’anno, porta avanti l’efficientamento elettrico degli asset cittadini, con un’attività iniziata già nel  gennaio 2017 con l’installazione di tecnologie LED su tutti i 3.682 semafori di Firenze, operazione che ha ridotto di 160mila euro la bolletta elettrica dei fiorentini, passata dai 240mila € annui agli 80mila € annui per l’energia ‘dedicata’ agli impianti semaforici.

Per gli interventi di sostituzione condotti sugli impianti di illuminazione il Comune di Firenze e SILFIspa prevedono un ROI (rientro degli investimenti) di poco più di tre anni, con il risultato di ridurre di 2.2 mln di € (da 5.2 mln a 3.0 mln) i costi della bolletta elettrica, con un -40% di spesa a parità di emissione luminosa.

Allo stato attuale sono stati effettuati interventi di sostituzione per il 34% del totale programmato.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here