LED grafici per il design asimmetrico del palco

(photo credit: Joshua Hartford - Detroit Exposure)
(photo credit: Joshua Hartford – Detroit Exposure)

Per il suo quarto album in studio, Say it Loud,  – un lavoro che ha ottenuto un grande successo nella classifica degli album più scaricati e  recensioni più che positive da Billboard – il produttore e autore americano di musica trip hop e dubstep Grant Kwiecinski, in arte GRiZ, ha deciso di ritornare alla sua città natale, Detroit, per prendere parte ad una serie di concerti per una raccolta fondi per associazioni no-profit.

Qui è nata l’occasione per un tour e una nuova serie di date, per le quali LMG Touring ha fornito i sistemi di illuminazione ed il supporto di una serie di sistemi LED. L’idea del concept era quella di creare un’esperienza completamente nuova per assicurare ai fan la partecipazione ad un evento che non avevano mai veduto in precedenza.

Il design asimmetrico del palco includeva così 90 LED tiles e 60 LightSlices, per l’intenzione di GriZ di superare lo schematismo del grande videowall centrale e dei set di luci a supporto.

Per questo Ian Davis, Product Manager e Lighting Designer dello show, sottolinea come l’artista cercasse per questo stage un lavoro d’arte e non solo un concerto. Così sono stati utilizzati i pannelli LED da 18 MM LED e le sezioni 12 MM LED LightSlices di LMG per aggiungere profondità al palcoscenico.

(photo credit: Joshua Hartford - Detroit Exposure)
(photo credit: Joshua Hartford – Detroit Exposure)

Insieme a queste scelte, per assicurare il massimo del dinamismo allo show, Davis ricorre per il suo disegno luci anche ai testamobile Sharpy (Clay Paky), insieme ai Vipers e ai MAC Auras (Martin), che hanno lo scopo di creare una sorta di tunnel luminoso ed evidenziare la figura di GRiZ nel modo appropriato durante lo show.

(Massimo Maria Villa)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here