LED flessibili, per forme di luce nello spazio

 

Treviso. Workshop “La luce libera il Design”. Un momento dei lavori (foto: Stefano Troilo)

Portare l’attenzione del progettista e del lighting designer su una tendenza sempre più richiesta sul piano delle opportunità applicative nei più diversi ambiti, indoor e outdoor: ci ha pensato OSRAM con un Workshop dedicato alla tecnologia dei moduli LED flessibili

Lo stabilimento produttivo di Treviso rappresenta per Osram un fondamentale asset strategico per la sua struttura operativa completa e articolata, assolutamente in linea e sempre in anticipo sul piano delle tecnologie sulla domanda proveniente dal mercato.

L’impianto di Treviso ha festeggiato nel 2016 i cinquantanni di storia, iniziata nel 1966 con la produzione di lampade auto, passando attraverso la produzione di lampade fluorescenti con elettronica integrata nel corso degli anni ’80 e alla produzione delle lampade a scarica negli anni 2000 prima e successivamente a quella per moduli LED per automotive, dedicandosi ancora più recentemente alla ricerca e sviluppo nell’ambito della gestione degli impianti a luce LED, con il LMS Light Management System.

Attualmente, nello specifico delle linee di prodotto relative alle soluzioni modulari LED flessibili, la Business Unit DS (Digital System) vede a Treviso la R&D – reparto Ricerca & Sviluppo, la produzione e l’ingegnerizzazione dei sistemi, il laboratorio qualità, il project management, il marketing e vendita, nonché i referenti per la supply chain per il mercato EMEA per la Business line Flexible e per i prodotti Backlighting Systems, per un’offerta di servizio completa nei confronti di prescrittori e utilizzatori.

Supportare al meglio la domanda del progettista

Fra i relatori presenti al Workshop, Ivo Folle (R&D Manager – Business Line soluzioni LED flessibili e per retroilluminazione – Osram) ha bene evidenziato la costante tendenza alla crescita sul mercato delle applicazioni di soluzioni che richiedono l’integrazione dell’illuminazione nelle soluzioni architettoniche e di come sia proprio: “…La nuova dimensione di flessibilità delle forme di integrazione – dai casi di retroilluminazione alla presenza indoor della luce negli arredi o all’esterno degli edifici – a mettere il progettista di fronte anche alla possibilità di creare nuove forme per esaltare i concept architettonici che si vogliono realizzare, portando addirittura alla ‘sparizione’ dell’oggetto, una possibilità ora permessa dalle strisce LED flessibili”.

Ivo Folle (R&D Manager – Business Line soluzioni LED flessibili e per retroilluminazione – Osram) (foto: Stefano Troilo)

Folle ha sottolineato come la tecnologia dei LED modulari flessibili permetta di preservare al meglio la qualità dell’emissione luminosa, in quanto viene posta nello sviluppo tecnico sui prodotti una particolare attenzione a temi quali il mantenimento della costanza della temperatura colore e dell’omogeneità dei livelli di flusso luminoso emesso.

In termini di filiera, la supply chain operativa presente a Treviso offre supporto alla progettazione anche per la gestione di commesse su scala internazionale, relazionandosi con le realtà e le specifiche differenziate in termini di prescrizioni e normativa esistenti nei differenti Paesi sul mercato EMEA (Europa, Medio Oriente e Africa), andando ogni volta ad identificare il tipo di supporto tecnico e le necessità reali da assolvere, ma mantenendo sempre il coordinamento centrale presso la sede italiana.

Seguire le contrazioni del ‘time to market’ dei prodotti

A Treviso viene condotta un’altra importante azione di monitoraggio e supervisione sulle fasi di progettazione dei nuovi sistemi, relativamente alla gestione della contrazione sempre maggiore dei cicli di produzione e ‘output’ dei prodotti, amplificata drasticamente dall’avvento della tecnologia LED e dal processo della digitalizzazione (ormai soli sei mesi o anche meno per un aggiornamento), con un’attività che viene rivolta di conseguenza alla gestione di questo costante processo di cambiamento, istituzionalizzata nell’ambito del dipartimento di Project management.

LinearLight Flex: tutte le possibilità di una gamma

Per Michele Gardenal (Head of Product Marketing, Osram) il tema della flessibilità applicativa di una gamma quale quella dei moduli LED flessibili, qui declinata nella linea LinearLight Flex, si traduce nella certezza di una maggiore libertà nella progettazione per l’architetto e per il lighting designer.

Michele Gardenal (Head of Product Marketing, Osram) (foto: Stefano Troilo)

“Questa gamma permette di realizzare una luce uniforme che si conforma alla superficie di installazione, lineare o curva che sia, mentre la temperatura colore e il suo controllo in logica Tunable White permettono la variazione del colore della luce bianca in base alle ore della giornata e alle esigenze operative”.

La modularità applicativa di questi sistemi permette la realizzazione di linee luminose di lunghezze variabili, anche ideali per la retroilluminazione di superfici; allo stesso tempo la modularità vuole dire anche controllo partendo dalla stessa sorgente di luce, cambiando modalità di alimentazione e gestione, dimmerando le intensità luminose in 1-10 V, con protocolli DALI, DMX o anche con Bluetooth Low Energy.

Il lighting design con i moduli LED flessibili

La presenza al Workshop dell’ arch. Giordana Arcesilai si è posta invece a testimonianza delle differenti forme progettuali che l’approccio all’utilizzo dei moduli flessibili LED comporta all’interno della pratica professionale.

L’architetto e lighting designer Giordana Arcesilai (foto: Stefano Troilo)

La lighting designer ha portato all’attenzione dei presenti una serie di esempi in diversi contesti, da progetti nel terziario commerciale ad esempi nel residenziale, non tralasciando anche alcune soluzioni progettate per l’illuminazione nell’arredo urbano. Ne è emerso come le opportunità applicative poste dalle soluzioni modulari lineari LED offrono sempre l’occasione di risolvere con efficacia e sovente con la realizzazione di approcci progettuali inediti il lavoro del progettista.

(a cura di Massimo M. Villa) 

Guarda il video con i contenuti della giornata e le nostre videointerviste!

 

Un altro momento dei lavori, durante la presentazione dell’arch. Giordana Arcesilai (foto: Stefano Troilo)
Fra i partecipanti del Workshop ((foto: Stefano Troilo)

UN ESEMPIO: ‘LINEARLIGHT FLEX’ TUNABLE WHITE

Fra le diverse versioni della gamma, ‘LinearLight FLEX’ Tunable White sono moduli LED flessibili per applicazioni professionali e industriali, ideali per applicazioni indoor come l’illuminazione di gole nei profili architettonici, nell’illuminazione dei negozi e negli uffici. Il sistema è proposto come una striscia LED flessibile e tagliabile, per operazioni di montaggio e collegamento semplificate.

La connessione fra i moduli avviene senza l’utilizzo di utensili (con CONNECTsystem in opzione), con possibilità di installazione facilitata su superfici lisce grazie alla presenza di un supporto autoadesivo sul lato posteriore. Il flusso luminoso emesso – a seconda delle versioni – va dai 1200 lm (al metro) ai 3800 lm.

Dati fotometrici

1) Modules perfectly matched to OSRAM OPTOTRONIC LED drivers (see relevant table).

Per i dati fotometrici e informazioni importanti su sicurezza, installazione e applicazione, consultare il sito.

Tutti i parametri tecnici si applicano al modulo completo. In considerazione del complesso processo di produzione dei diodi a emissione luminosa, i valori tipici forniti sopra per i parametri LED tecnici sono puramente valori statistici che non corrispondono necessariamente ai valori tecnici effettivi di un singolo prodotto; i singoli prodotti possono variare dai valori tipici.

2) For white color

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here