Focus Smart Cities

Le nuove scelte urbane per Copenhagen

Copenhagen. La nuova illuminazione a luce LED realizzata (apparecchio “Thor” by Thorn; design: Morten Lyhne) (courtesy photo: Zumtobel Group)

La città di Copenaghen in Danimarca è una delle città più intelligenti e sostenibili al mondo. Dopo aver fissato un obiettivo ambizioso di diventare carbon neutral entro il 2025, la capitale danese sta trasformando il modo di gestire l’energia. Fra le strategie, si colloca la sostanziale riduzione dei consumi energetici stradali di illuminazione.

Copenhagen voleva una soluzione di illuminazione ad alta efficienza energetica che non solo consumasse meno energia, ma facesse ricorso a soluzioni di illuminazione wireless sicure per ottimizzare il risparmio energetico, incrementando i livelli di sicurezza, il comfort e una migliore qualità della luce.

Gli obiettivi di illuminazione della Municipalità di Copenaghen sono stati quindi i seguenti:

  • sostituire gli apparecchi storici con lampade al sodio ad alta pressione sulle strade residenziali, sulle arterie di grande traffico e sulle autostrade di Copenaghen, con una nuova ed efficiente lanterna custom a luce LED
  • ottenere sostanziali risparmi energetici e di CO2
  • migliorare la qualità di illuminazione stradale, aumentando sicurezza e comfort
  • integrare i controlli di illuminazione con i dati di densità di traffico per adattare i livelli di illuminazione in relazione alla domanda futura
  • creare un sistema di gestione centralizzato per la gestione efficace e il controllo dell’illuminazione stradale
  • implementare soluzioni Smart City per sostenere la strategia IoE per la “Greater Copenaghen”.

Product Design. La progettazione di una lanterna “custom”per Copenhagen

In quartieri come Østerbro o Amager la città di Copenhagen ha voluto portare un’immagine nuova nel paesaggio urbano, ma il design dell’apparecchio Thor sa mantenere al tempo stesso la familiarità con la tradizione nordica. Il nuovo apparecchio è stato progettato per essere in grado di integrare future tecnologie per la Smart City. Inoltre l’apparecchio doveva prevedere la possibilità di essere montato su sistemi catenaria e post-top e avere una distribuzione della luce morbida, simile alle vecchie lampade.

(courtesy photo: Zumtobel Group)
(courtesy photo: Zumtobel Group)

L’obiettivo era ottenere una distribuzione uniforme per illuminare strada e marciapiedi, con illuminamento verticale per ravvivare a un tempo le facciate architettoniche, incrementare la sensazione di sicurezza e la percezione da parte dei pedoni  della strada come uno spazio pubblico attraente. Per questo progetto il brand Thorn (Zumtobel Group) ha incaricato il designer danese Morten Lyhne. Il design semplice ma efficace continua la tradizione locale di apparecchi a base rotonda. Il nuovo apparecchio presenta un’efficienza di 97Llm / W e ospita nella cupola superiore in policarbonato un modulo aggiuntivo LED per l’emissione luminosa indiretta uplight e la predisposizione per montare al suo interno un’antenna.

Sono state installate ad oggi circa 8.500 lanterne Thor a catenaria, ad un’altezza di circa 8 m, oltre a 1.500 lanterne in esecuzione post-top (su palo a braccio), ad un’altezza di 6 m. Disposti con una temperatura  colore di 3500K e con un’interdistanza compresa fra tra 28 fino a 30m per le strade principali, l’apparecchio – che presenta un indice di resa cromatica 80 – è stato installato con livelli di luminanza di 0,75 a 1 cd / m2 e di illuminamento di 2,5 a 15 lux.

Connettività per l’efficienza , il monitoraggio e la gestione del traffico

La nuova illuminazione pubblica di Copenaghen è connessa tramite un sistema di controllo senza fili attraverso il sistema Silverspring Networks, che si basa su protocollo “wireless IPv6” ed è compatibile con il software di manutenzione di Citelum. Sulla base di questo, gli apparecchi possono essere utilizzati per la gestione intelligente dell’illuminazione così come per un monitoraggio completo degli intervalli di manutenzione programmata.

Copenhagen. Oltre che in esecuzione a catenaria, il nuovo apparecchio a LED è stato installato anche su palo a braccio (courtesy photo: Zumtobel Group)
Copenhagen. Oltre che in esecuzione a catenaria, il nuovo apparecchio a LED è stato installato anche su palo a braccio (courtesy photo: Zumtobel Group)

In questa fase l’illuminazione è controllata a tempo, ma ci sono preparativi in atto per controllare gli apparecchi in modalità daylight. Un’altra possibilità è quella di collegare l’illuminazione con i dati di gestione del traffico e adattare l’illuminazione – senza compromettere la sicurezza – in base alla densità del traffico stradale: con densità di traffico è minore, gli apparecchi con ottica stradale ottimizzata per illuminare strade bagnate, possono essere dimmerati tra il 30% e il 70%.

Anche la politica dei trasporti in bicicletta può essere inclusa, attraverso sensori opzionali e sistemi di telecamere integrabili nell’apparecchio Thor. I ciclisti possono essere rilevati, indicando loro il percorso più tranquillo e più veloce.

(Michael Ferm, Technical Director Northern Europe – Thorn – Zumtobel Group, Sweden)

 

Richiedi maggiori informazioni










Nome*

Cognome*

Azienda

E-mail*

Telefono

Oggetto

Messaggio

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy*

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here