IALD International Design Award: i vincitori della 34esima edizione

IALD Award 2017. Radiance Award per la “Harbin Opera House” a Dongning Wang, dello Studio Beijing United Artists a Harbin
IALD 2017. Award of Excellence, per “Barneys New York” a Emily Monato, dello studio Cooley Monato, New York, NY (USA)

La Giuria dell’edizione 2017 di IALD International Lighting Design Awards, composta dai lighting designer Carlos Fortes, Erin Primerano, Steven Rosen, Mary Rushton Beales, Eileen Thomas, Jason Van Auker e Birgit Walter, hanno deciso i nomi dei ventisei studi di lighting design e dei loro relativi progetti vincitori della 34esima edizione del Premio.

I progetti sono provenienti da otto differenti nazioni e propongono esempi applicativi nei più differenti ambiti. Secondo il regolamento del Premio, il vincitore del punteggio più alto in tutte le categorie, oltre a ricevere un Premio di eccellenza per il progetto, riceve il Premio IALD Radiance per l’eccellenza nel design illuminotecnico: per questa edizione il Premio Radiance è stato assegnato a Dongning Wang, IALD, parte del team di progetto del Beijing United Artist Lighting Design per la Harbin Opera House di Harbin, Cina.

Complessivamente, dei 22 progetti premiati, tre hanno meritato Citazioni Speciali, quattordici sono stati i premi Award of Merit e cinque gli Award of Excellence.

Award of Merit, al progetto “Chicago Riverwalk”, di Schuler Shook, dello studio Ross Barney Architects, a Sasaki, Chicago, IL (USA)

A seguire, l’elenco completo dei progetti e degli studi di lighting design premiati.

Radiance Award

  • per la “Harbin Opera House” a Dongning Wang, dello Studio Beijing United Artists a Harbin, China.

Award of Excellence

  • per il progetto “599 Lexington Avenue Ground Floor upgrades”, della lighting designer Suzan Tillotson (studio IALD Tillotson Design Associates), New York, NY (USA);
  • per  “Barneys New York”, a Emily Monato,  dello studio Cooley Monato,  a New York, NY (USA);
  • per il progetto “Cathédrale Notre-Dame De Strasbourg”, di  Jean-Yves Soetinck, Studio L’Acte Lumière, Strasburgo, Francia;
  • per il progetto “Hancher Auditorium”, University of Iowa, di Francesca Bettridge, studio Cline Bettridge Bernstein Lighting Design, Iowa City, IA (USA);
  • al progetto “225 Park Avenue South”, di Anita Jorgensen, dello studio Anita Jorgensen Lighting Design, New York, NY (USA).

Award of Merit + Sustainability

  • al progetto “888 Boylston”, di Gabe Guilliams, dello studio Buro Happold, a Boston, MA, USA.

Award of Merit

  • per il progetto “Amanemu”, di Kaoru Mende, dello studio Lighting Planners Associates, Ise-Shima, Giappone;
  • al progetto “Chicago Riverwalk”, di Schuler Shook, dello studio Ross Barney Architects, a Sasaki, Chicago, IL (USA);
  • al progetto “Corrs Chambers Westgarth”, di Donn Salisbury, dello studio Electrolight, Perth, Australia;
  • al progetto “Debenhams Oxford Street”, di  Lee Prince, dello studio Light + Design Associates, Londra, UK;
  • al progetto “Elements of Byron Central facilities”, di Ash Dowthwaite, dello studio Tony Dowthwaite Lighting Design, Byron Bay, Australia;
  • al progetto “The Farm Residence” di Donn Salisbury, di Electrolight, di Gerroa, Australia;
  • al progetto “Gasholder Park” di Mark Major, dello studio Speirs + Major, Londra UK;
  • al progetto “Kunstmuseum Basel Light frieze” di Valentin Spiess, dello studio Iart Ag, Basel, Svizzera;
  • al progetto “National Gallery Singapore” di Kaoru Mende, dello studio Lighting Planners Associates, Singapore;
  • al progetto “Smithsonian African American History + Culture – Façade” di Hank Forrest, dello studio Fisher Marantz Stone, Washington, DC USA;
  • al progetto  “U.S.A.F. Academy Center For Character + Leadership Development” di Scott Matthews, dello studio Brandston Partnership Inc, Colorado Springs, CO (USA);
  • al progetto “Wintrust Financial Corporation” di Jim Baney, dello studio Schuler Shook, Chicago, IL USA.

Sono inoltre tre le Citation:

  • al progetto “1.8 by Janet Echelman”, di Jake Wayne, dello studio Arup, Washington, DC (USA);
  • al progetto “Chapelle Corneille, Regional Auditorium Of Normandy” di Anne Bureau, dello studio Wonderfulight, di Rouen, Francia;
  • progetto “Park Avenue Armory Veterans Room” di  Paul Marantz, dello studio Fisher Marantz Stone, New York, NY USA.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here