Freeport Luxembourg. Segnali di luce come colore e materia

(courtesy: Flos Contract)
(courtesy: Flos Contract)

Fra i lavori della designer Johanna Grawunder, prestigiosa firma del design italiano partner dello studio Sottsass Associati dal 1989 al 2001, c’è fra le tante cose un’interessante installazione realizzata site specific per l’area duty-free dell’aeroporto di Lussemburgo.

Freeport Luxembourg (courtesy: Flos Contract)
Freeport Luxembourg (courtesy: Flos Contract)

L’intervento attuato per il Freeport Luxembourg, spazio architettonico progettato dall’ arch. Carmelo Stendardo dello studio ginevrino 3BM3 Architecture, è un efficace esercizio interpretativo sulla relazione fra luce e architettura, che parte dalle caratteristiche formali dello spazio, pensato per ospitare beni di ogni tipo, dai gioielli ai vini pregiati fino alle opere d’arte e alle auto d’epoca, per strutturare l’intervento attraverso un’installazione luminosa e cromatica (con un sistema “custom” appositamente realizzato da Light Contract di Flos), dove l’elemento luce è fattore strategico del progetto.

L’intento evidente della progettista è quello di rendere “oggettiva” la materia luminosa, all’interno come all’esterno del complesso architettonico, dove le ore notturne sottolineano ad esempio l’effetto dei LED a sviluppo lineare che qualificano alcune parti delle facciate.

Negli spazi interni, la designer ha fatto ricorso alla soluzione formale del pannello a specchio, per esaltare tutto lo spettro dinamico della luce naturale durante le ore diurne, superfici che diventano invece di notte campi luminosi circondati da aloni di luce colorata.

Dettaglio di uno dei pannelli (courtesy: Flos Contract)
Dettaglio di uno dei pannelli (courtesy: Flos Contract)

Il lavoro di Johanna Grawunder è presente in molte collezioni museali permanenti, tra cui il Los Angeles County Museum of Art (LACMA), il CNAP, il MOMA di San Francisco MOMA, l’Art Institute di Chicago e l’High Museum di Atlanta.

(Massimo Maria Villa)

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here