Illuminazione dinamica

Fidenza. La luce valorizza la Torre Mendini

Fidenza. La Torre Mendini (foto: Marco Vasini)

Dopo diversi anni dalla sua realizzazione, nel 2004 a cura della divisione mattone in vetro della Seves di Fidenza, Vetroarredo Fidenza, su progetto  degli architetti Alessandro e Francesco Mendini, è stata finalmente realizzata l’illuminazione della Torre Mendini, un importante punto di riferimento nei pressi del casello autostradale.

Questo oggetto architettonico e di design è stato individuato da Nilo Riccardi e dall’architetto Massimo Davighi con la chiara intenzionalità di rappresentare nel modo più iconico possibile l’humus manifatturiero e industriale della città di Fidenza, città in cui il vetro è la maggiore industria.

La torre, originariamente edificata per essere esposta nel cortile del Castello Sforzesco di Milano in occasione del Fuorisalone del Mobile e ora ricollocata nel suo nuovo sito, è il risultato dell’assemblaggio di una serie di mattoni ricurvi, un elemento costruttivo ideato a suo tempo dall’arch. Renzo Piano e utilizzato nella Maison Hermés di Tokyo.

Fidenza. La Torre Mendini dall’interno (foto: Marco Vasini)

Non è ovviamente soltanto la materialità del vetro che raccorda questa torre policroma a Fidenza, ma è la qualità luminosa e materica del materiale con la quale è realizzata, il vetromattone Naviglio dalle trasparenze cangianti, elemento costruttivo di grande efficacia.

Da diversi anni l’architetto Davighi, con  Alberto Gilioli cercavano di riportare a Fidenza questo magnifico oggetto, composto da mattoni di vetro e ora illuminata in modo dinamico.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here