Etichettatura energetica: pubblicato il Regolamento UE

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea in data 28 luglio 2017 il Regolamento UE 2017/1369 che istituisce un quadro per l’etichettatura energetica e che abroga la Direttiva 2010/30/UE.

Il regolamento fissa le scadenze per sostituire le classi di efficienza energetica A +, A ++, A +++ con una scala da A a G e la creazione di un database di prodotti, con il duplice scopo di poter essere utilizzato dalle autorità di controllo per l’attività di sorveglianza del mercato e rendere pubblicamente disponibile online la lista dei prodotti etichettati. Per adottare le nuove classi, le nuove etichette energetiche dovrebbero essere applicate a milioni di prodotti di illuminazione in un breve periodo di tempo.

Alla luce di questo scenario Lighting Europe, Associazione Europea che rappresenta l’industria dell’illuminazione che ha tra i suoi soci fondatori ASSIL – Associazione Nazionale Produttori Illuminazione federata ANIE Confindustria, ha chiesto l’estensione di tale operatività per un periodo di 24 mesi affinché le aziende abbiano il tempo utile per  implementare le nuove etichette sui nuovi prodotti, in modo da evitare costi e rifiuti di imballaggio inutili.

Le proposte presentate da LightingEurope a marzo 2017 sono state prese in considerazione e i primi prodotti di illuminazione con le nuove etichette dovrebbero essere disponibili entro la fine del 2019.

Le misure di efficienza energetica della nuova etichettatura presuppongono che le classi A e B non siano utilizzate nelle prime fasi di operatività del nuovo sistema di classificazione ma l’industria dell’illuminazione ha chiesto alla Commissione di considerare i confini corretti per le future classi energetiche, al fine di evitare che le classi più alte rimangano vuote per il prossimo decennio.

Un atto delegato per l’etichettatura dei prodotti di illuminazione dovrà essere adottato entro 15 mesi dalla data di pubblicazione del Regolamento e illustrerà l’ambito, le linee temporali e le classi di prodotto.

LightingEurope e ASSIL continueranno a collaborare con la Commissione europea per fornire dati sulle specificità dell’industria dell’illuminazione e lavorare verso una transizione regolare e prenderanno parte al gruppo di esperti creato dalla Commissione Europea che istituirà un database di prodotti a partire dal gennaio 2019 per consentire alle autorità di vigilanza del mercato degli Stati membri di rispettare i requisiti di etichettatura.

Per saperne di più, vedi qui

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here