Dublino. Luce LED dinamica per Grand Canal Square

Martha Schwartz UNO
(courtesy: Martha Schwartz Landscape Architects)

Il progetto di luce è ancora una volta protagonista a Dublino, in Irlanda, nell’area urbana del waterfront nella zona degli storici docklands del Grand Canal Square, nel contesto di un grande intervento di riqualificazione e rilettura dello spazio urbano, che ha coinvolto negli ultimi anni diversi e prestigiosi studi di architettura.

Fra questi, l’architetto Daniel Libeskind è l’autore del Grand Canal Theatre e della grande piazza urbana, dove l’illuminazione ha giocato un ruolo essenziale.

Il progetto di lighting design – che si innesta sul bel concept dovuto allo studio dell’architetto americano del paesaggio Martha Schwartz – vede quale elemento centrale di attrazione il tracciato diagonale progettato dalla Schwartz che collega il teatro al fiume Liffey, ed è caratterizzato da pali di illuminazione di colore rosso, alti circa 8 m, e evocare le aste portuali per gli ormeggi.

(courtesy: Martha Schwartz Landscape Architects) (courtesy: Martha Schwartz Landscape Architects) kkkk
(courtesy: Martha Schwartz Landscape Architects)

Questi pali, realizzati in materiale acrilico, dispongono al loro interno di moduli lineari a luce LED di 250 mm, e reagiscono all’ambiente circostante attraverso una serie di sensori che registrano il movimento delle persone, innescando a loro volta una serie di scenari programmati che attivano la risposta cinetica dell’illuminazione, in una varietà di configurazioni di illuminazione dinamica.

Il concept dell’illuminazione e l’engineering del sistema sono stati messi a punto dallo studio di lighting design inglese Speirs & Major, che ha operato anche per differenziare l’illuminazione della passerella con il “red carpet”, dal fiume verso il teatro, rispetto all’illuminazione dell’area verde più interna della piazza urbana, formata da una serie di fioriere in cemento rialzate.

(courtesy: Martha Schwartz Landscape Architects)
(courtesy: Martha Schwartz Landscape Architects)

Sono state utilizzate – nel primo caso – unità con proiettori ad incasso a luce LED rossa, e sistemi LED con luce di colore verde per la parte giardino, alternando in modo efficace gli effetti di luce per la fruizione notturna e diurna del grande spazio urbano.

(Massimo Maria Villa)

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here